Lombard Street, icona sinuosa di San Francisco

di
Lombard Street, San Francisco

Lombard Street, San Francisco

Da Russian Hill, il maggiolone scende lento: curva dopo curva, scivola sugli otto ripidi tornanti di mattoni rossi – un tappeto d’argilla disteso tra il verde di siepi curatissime che fanno di Lombard Street la strada più famoso di San Francisco e la più tortuosa al mondo.

Pochi metri soltanto che le auto percorrono piano e solo in discesa mentre dall’altra parte della via, dove mi trovo io, passanti e curiosi le fotografano soprattutto se sono di grossa cilindrata. O particolari come quella che mi è appena passata davanti.

Lombard Street di notte, San Francisco

Lombard Street di notte, San Francisco

Realizzato nel 1922 nella zona nord di San Francisco, questo tratto di Lombard Street tra Hyde e Leavenworth Street, è stato pensato e costruito per ridurre la pendenza di 27 gradi (circa il 51 per cento) della collina – la Russian Hill.

Lunga quattrocento metri, la via vede scendere di giorno come di notte automobili tra le più belle al mondo. Sulla sua livrea di mattoni rossi, sfilano con la lentezza imposta dal limite di velocità: otto chilometri o cinque miglia all’ora.

Tutti o quasi rispettano l’obbligo: sia per far mostra di sé, sia perché guidare sugli otto ripidi tornanti di Lombard Street non è così facile come potrebbe sembrare guardano le macchine mentre si sta in piedi dall’altra parte della strada.

Anche gli stuntmen, impiegati nelle riprese dei vari film polizieschi americani girati in questa parte di San Francisco, hanno dovuto fare delle prove prima di schiacciare il pedale e vincere con dimestichezza adrenalina e curve strette.

Lombard Street è così: un’icona sinuosa che di giorno scivola giù da Russian Hill tra il verde delle siepi puntinate di fiori, e di notte si accende di vernici cromate riflesse dalle grandi luci al neon.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Lombard Street, icona sinuosa di San Francisco"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...